COSENZA-FROSINONE 1-1 DOPO 45′

 In Prima Squadra, Slider Home

COSENZA (4-2-3-1): Marson; Martino, Rigione, Venturi, Panico; Voca, Brescianini; Merola, Kornvig, Brignola; Larrivey

A disposizione: Matosevic, Rispoli, Calò, D’Urso, Meroni, Vaisanen, Nasti, Vallocchia, Sidibe, Butic, La Vardera, Zilli.

Allenatore: Dionigi.

FROSINONE (4-3-1-2): Turati; Monterisi, Lucioni, Ravanelli, Frabotta; Rohden, Mazzitelli, Boloca; Garritano; Moro, Mulattieri.

A disposizione: Loria, Kone, Lulic, Caso, Ciervo, Kalaj, Szyminski, Cotali, Sampirisi, Oliveri. Borrelli, Insigne R.

Allenatore: Grosso.

Arbitro: Signor Luca Zufferli di Udine; assistenti sigg. Stefano Liberti di Pisa e Alessio Saccenti di Modena; Quarto Uomo Marco Emmanuele di Pisa. Al Var Giacomo Camplone di Pescara, Avar Gianpiero Miele di Nola (Na).

Marcatore: 20’ pt Merola (C), 27’ pt Moro (F).

Note: spettatori: ; angoli: 4-2 per il Frosinone; ammoniti; 31’ pt Ravanelli (F), 45’ st Lucioni (F); recuperi: 1’ st;

COSENZA – Uno a uno tra Cosenza e Frosinone al termine dei 45’ sintetizzabili nel pallone di Garritano che sfiora il vantaggio al 19’, nel botta e risposta tra Merola e Moro tra il 20’ e il 27’ e nella deviazione di Marson ancora sull’ex attaccante del Catania

IN CAMPO – Nel 4-2-3-1 del Cosenza c’è Marson tra i pali. Davanti a lui Martino e Rigione sono i centrali, Venturi a sinistra e Martino a destra. In mezzo al campo i due mediani sono Brescianini e Voca. Nella batteria di trequartisti alle spalle del rientrante Larrivey ci sono l’ex Brignola, Kornvig e l’ex del Foggia, Merola.

Frosinone con 4-3-1-2 con qualche novità iniziale. Davanti a Turati i centrali sono sempre Lucioni e Ravanelli, conferma per Monterisi a destra, torna Frabotta a destra. In mezzo al campo Mazzitelli è il regista, torna Boloca dal 1’ e rileva Kone, sul centrodestra si tiene la maglia Rohden. Quindi la novità è nel tridente offensivo, a sinistra c’è Mulattieri al posto di Caso, Moro al suo fianco, Garritano agisce qualche metro più indietro. Partenza in panchina per 3 dei 4 ex (oltre al vice allenatore Morrone) Kone, Borrelli e Caso.

GARRITANO SFIORA IL GOL, MEROLA DOPO 1’ NON SBAGLIA E MORO FA 1-1 – Il Frosinone si affaccia subito dalle parti di Marson, Mulattieri chiuso nella tenaglia centrale sul cross da sinistra di Frabotta che si ripete dopo 1’ a ancora la retroguardia dei silani a chiudere sempre sull’ex attaccante del Crotone. Ritmi blandi in avvio. Il Cosenza cerca molto le vie interne quando affonda, i giallazzurri vanno indifferentemente sui due lati. E dalla destra arriva un pallone maligno per la porta del Cosenza, Garritano vede l’estremo difensore leggermente avanti ma Marson con un passo indietro blocca il pallone sotto l’incrocio dei pali. Il Cosenza sceglie ancora la velocità di Martino e Merola al 12’, Lucioni si rifugia in angolo. Il Frosinone non sta a guardare, Garritano vede la corsa di Ravanelli ma il difensore non riesce a raggiungere Mulattieri e Moro pronti al centro dell’area del Cosenza. La difesa dei padroni di casa respinge la battuta d’angolo sui piedi di Frabotta, gran tiro che si spegna un metro alla sinistra di Marson. La partita sale di livello. Rigione chiude su Moro e salva in angolo, la giocata dalla bandierina è della difesa del Cosenza che nella fase di non possesso si difende con tutti gli uomini sotto la linea del pallone. Al 17’ il Frosinone accarezza il vantaggio, pallone da sinistra ben lavorato da Mulattieri per Garritano, controllo e tiro, pallone che sfiora l’incrocio dei pali alla destra di Marson che non ci sarebbe mai arrivato. Ma è il Cosenza a passare: lancio di Marson, Ravanelli sporca il pallone di testa mentre Merola sulla corsa prende d’infilata Lucioni posizionato all’altezza del centrocampo, il giocatore scuola Empoli si fa 50 metri di campo e batte Turato in uscita. La replica del Frosinone è immediata, al 23’ è Garritano spostato sull’out di sinistra a pennellare per il colpo di testa di Moro, Marson devia in angolo. Al 27’ il Frosinone dopo un batti e ribatti pareggia con Moro servito di testa da Rohden, dopo un controllo Var convalidato il gol giallazzurro. Il Frosinone cerca il raddoppio, va a percussione e su una battuta da calcio d’angolo al 33’ la difesa rossoblu si salva come può.

COSENZA NON IRRESISTIBILE, IL FROSINONE NON CAMBIA MARCIA – La difesa del Cosenza si impappina al 37’, Rigione serve un pallone complicato per Marson che sceglie di colpire di testa fuori area, Mulattieri sguscia alle spalle del difensore ma non riesce ad anticipare la goffa respinta dell’estremo difensore dei calabresi. I giallazzurri fanno tanto possesso palla, lungo palleggio ma non alzano i giri del motore, il Cosenza fa il minimo sindacale per stare aggrappato alla gara e la partita non decolla. Ammonito anche Lucioni allo scadere, il Frosinone va al riposo sul pareggio ma anche con i 2 centrali di difesa ammoniti e soprattutto con la consapevolezza di dover cambiare marcia nella ripresa.

Articoli Recenti