MASTER DI DIRITTO E SPORT, IL DIRETTORE SALVINI DOCENTE A ‘LA SAPIENZA’

 In Attività

ROMA – Presso l’Università di Roma “La Sapienza”, nella città universitaria in Piazzale Aldo Moro, questa mattina si è tenuta la 18.a lezione del Master di I livello in Diritto e Sport – Il giurista nella gestione dei rapporti e del fenomeno sportivo. Il Master, coordinato dall’avvocato Giorgio Sandulli, è finalizzato a formare e specializzare soggetti che possano inserirsi nel mondo dello sport, con particolare attenzione ad uffici legali e marketing svolgendo attività di consulenza legale e manageriale per enti e società sportive o per gli sportivi stessi.
A questa lezione ha preso parte, come docente, il responsabile dell’area tecnica del Frosinone Calcio, Ernesto Salvini, per affrontare il tema della gestione di una società sportiva, dei tesseramenti curando anche alcuni aspetti della negoziazione tra i soggetti che vengono coinvolti in un trasferimento. Il Direttore della squadra giallazzurra ha aperto la lezione affermando quanto sia importante la struttura organizzativa all’interno di una società professionistica, soffermandosi soprattutto sulla struttura societaria del Frosinone. “Il Presidente Stirpe ha deciso di lavorare su un organigramma che si caratterizza sull’orizzontalità, in contrapposizione con la struttura tipica delle aziende. C’è il presidente che si interfaccia con i vari responsabili delle varie aree che sono il Marketing e Comunicazione, Finanza e Controllo ed infine quella Tecnica. Scompare quindi la figura del direttore generale”.
Entrando nel vivo della lezione, parlando dei tesseramenti e dei trasferimenti, il dirigente giallazzurro ha alternato nozioni normative nazionali ed internazionali con casi pratici che hanno catalizzato l’attenzione degli studenti che hanno preso parte al Master.

Sono state esplicati quali sono i meccanismi che si attivano nel momento in cui bisogna muoversi sul mercato: “Il Frosinone cerca di fare in modo che l’allenatore sia sempre parte integrante del progetto. Quando andiamo ad agire sull’acquisizione di un calciatore viene chiesto un parere al tecnico, viene fatto un identikit del calciatore che serve e poi viene messa in moto una macchina di ricerca formata dai talent scout sul territorio. Successivamente si passa alle trattative. E per quanto possa apparire scontata questa affermazione che faccio, personalmente quando sono di fronte ad una trattativa per un calciatore gli interessi della società per cui lavoro sono sovrani”.

La lezione si è conclusa con una breve ma concreta analisi dei contratti tipo della Lega Serie A e della Lega Serie B.
Ufficio Stampa
Frosinone Calcio

Articoli Recenti